Guttuso Renato

Guttuso Renato

Nasce a Bagheria nel 1911. Pittore e politico, inizia appena tredicenne a datare e firmare i propri quadri. Viaggia a Milano e in Europa. Nel suo espressionismo si affermano i motivi siciliani: limoneti, ulivo saraceno, Palinuro. Le sue opere, inviate alla I Quadriennale di Roma, confluiscono in una collettiva di sei pittori siciliani. Rifiutato ogni canone accademico, si inserisce nel movimento artistico e antifascista Corrente. Si trasferisce a Roma dove frequenta l’ambiente artistico romano di tendenza ‘antinovecentista, e si tiene anche in contatto col gruppo milanese di Treccani, Manzù, Sassu. 

Il dipinto che gli dà fama è la Crocifissione, opera accolta con polemiche dal clero e dal fascio per via della denuncia degli orrori della guerra. Il linguaggio pittorico diventa chiaro ed essenziale. Realizza Occupazione delle terre incolte di Sicilia, esposto alla Biennale di Venezia del 1950. Guttuso dedica la sua arte ai contadini siciliani che sono tanta parte della storia d’Italia. La donna, importante nella sua vita privata, diviene protagonista anche nella pittura. Marta Marzotto è la sua musa ispiratrice.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter

Le opere di Guttuso Renato

Chiama senza impegno

Contattaci per ulteriori chiarimenti e per scegliere l’opera adatta a te e ai tuoi spazi.

Attivare le notifiche    ok No grazie