Lazzaro Walter

Lazzaro Walter

Nasce a Roma nel 1914. Nella capitale frequenta il Liceo artistico e l’Accademia di Belle Arti, vincendo una borsa di studio governativa. È premiato dalla Reale Accademia d’Italia e dalla XXIII Biennale di Venezia. Per qualche tempo si dedica al teatro e al cinema, interpretando il ruolo di Raffaello nel film “La Fornarina”. Nel 1943 viene catturato in Albania e tenuto in un campo di prigionia tedesco in Polonia. Rientra alla fine della guerra. Nel 1956 fonda il Movimento Poeti-Pittori che raccoglie molte adesioni tra i maggiori artisti del momento, teorizzando l’importanza di un linguaggio artistico chiaro e semplice. È perito d’arte al Tribunale di Roma e insegna Pittura a Roma, Carrara, Bologna, Milano-Brera e fonda il Liceo artistico di Novara. Con Carrà, Funi, Guidi, Ordavo e Pieraccini, dà vita alla Settimana d’arte della Versilia (poi denominata Marguttiana), rassegna ancora oggi in voga. È insignito del titolo di Cavaliere per meriti artistici e dell’onorificenza di Ufficiale al Merito della Repubblica. Restituisce tuttavia quest’ultimo riconoscimento, non potendo proseguire l’insegnamento per superati limiti di età. È noto come il metafisico pittore del silenzio (definizione del critico Lionello Venturi). Protagonista delle sue opere è il mare e le spiagge della Versilia: ombrelloni, sdraio, capanni e barche sono le testimonianze di una umanità assente, di una vita, appunto, silente.


Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter

Le opere di Lazzaro Walter

Richiedi una consulenza

Contattaci per ulteriori chiarimenti e per scegliere l’opera d’arte adatta a te e ai tuoi spazi.

Attivare le notifiche    ok No grazie